depressione

Coaching sui problemi sessuali femminili

Il sesso, e l'attività sessuale, risentono di moltissimi fattori sociali, fisici, emotivi, ambientali e culturali.
La qualità della vita, tanto per gli uomini quanto per le donne, è correlato alla sfera sessuale, alla qualità e quantità dei rapporti sessuali.
Una cultura maschilista ed una società tuttora patriarcale non vedono ancora di buon occhio che la donna avanzi pretese sessuali al pari di quelle avanzate dal partner. La mancata conoscenza del proprio corpo ed una scarsa consapevolezza dei benefici di una corretta vita sessuale portano molte donne a privarsi del piacere, a sottovalutare le proprie capacità. Alcune, all'ingresso in menopausa sentono che la loro vita sessuale sia definitivamente conclusa salvo accorgersi poi, magari incontrando un altro partner, di aver sprecato molti anni di piacere, di benessere, di divertimento.
Alcune donne, inoltre, proprio perché non conoscono il loro corpo non realizzano di essere affette da una disfunzione sessuale; solo negli Stati Uniti si calcola che almeno il 20% delle donne ne sia affetto.
Sergio Motta, con l'aiuto di sessuologi, psicologi e medici aiuta le donne a prendere consapevolezza del proprio corpo, della propria sessualità ed a pretendere ciò che i maschi già ottengono da secoli: il diritto ad una vita sessuale soddisfacente, libera, scelta e non imposta.
Come ho avuto modo di dire spesso nei miei lavori, parlare di sesso anche con amiche, con il partner e talvolta anche con professionisti (sessuologo, medico) può risultare difficile, per l'educazione ricevuta, per l'imprinting genitoriale, per timore, timidezza, per l'ambiente in cui siamo cresciuti. E' evidente che se percepiamo di avere un problema occorrerà attivarsi per risolverlo, perché da solo non troverà soluzione e, più spesso di quanto si pensi, la soluzione è a portata di mano ma una serie di fattori culturali non ci permettono di avanzare.
Ovviamente, qualora il problema abbia origini fisiologiche, patologiche o psicologiche l'individuo dovrà affidarsi, senza timore e senza indugio, al consulto di uno specialista.

Cos'è il coaching sui problemi sessuali femminili?

Il coach non vi obbliga a "fare sesso", non vi giudica e, soprattutto, ascolta prima di parlare. Il coach aiuta chi si rivolge a lui a reaggiungere i propri obiettivi ed a rimuovere le cause a tale obiettivo. Se  vi rivolgete ad un coach significa che avete percepito che qualcosa non va nella vostra vita ed avete deciso di farvi guidare per raggiungere un obiettivo.

Il coach non tratta il vostro passato, non è uno psicologo, ma tratterà con voi il presente ed il futuro all'unico scopo di portarvi ad essere ciò che vorreste e non siete, ciò che vorreste raggiungere ma non sapete come.

Come si svolge?

L'intero percorso di coaching sui problemi sessuali femminili ha una durata variabile, a seconda degli individui e delle loro problematiche. In linea di massima possiamo ipotizzare una durata di circa 6 mesi.
Le sessioni, in presenza oppure su piattaforma online, hanno una durata di 60 minuti per quelle individuali e di 90 per quelle di coppia ed hanno frequenza quindicinale; nel caso di relazioni poliamorose occorre valutare ogni realtà.
La prima sessione è sempre gratuita e serve a conoscersi ed a valutare la situazione.

RICORDATE: il coach può aiutarvi unicamente se siete voi a volerlo: senza la vostra volontà di risolvere i problemi e senza il vostro impegno il coach non può fare nulla.

 

Info e prenotazioni